Area Riservata
La Riabilitazione - servizi infermieristici, riabilitativi, corsi

DOLORE CRONICO


Ne soffrono 7 anziani su 10, ma il 57% non è in cura


15 DIC - Convivono, anche da oltre un anno, con un dolore persistente, spesso di natura osteoarticolare, ma sono poco consapevoli delle strategie terapeutiche più opportune per alleviarlo. Benché la sofferenza sia di grado moderato-severo e limiti la loro autonomia, i medici ai quali si rivolgono tendono a sottovalutare il problema, non lo monitorano e lo trattano in modo inadeguato, ricorrendo anche per lungo tempo agli antinfiammatori non steroidei (Fans). È l’identikit del paziente anziano con dolore, emerso da un’indagine commissionata dal Centro Studi Mundipharma a Demoskopea e presentata a Milano, in un convegno organizzato da AboutPharma.

La ricerca, condotta in tutta Italia a Ottobre, su un campione di 407 individui di età compresa tra 60-80 anni (al 55% donne) ha voluto sondare il reale impatto della sofferenza fisica nella popolazione geriatrica, verificando come la condizione dolorosa venga affrontata dai clinici e dagli stessi pazienti e quanto questi ultimi siano informati sulla malattia e le sue possibili cure.

Analizzando in dettaglio i risultati della survey, si scopre che il 74% degli intervistati è afflitto da un dolore cronico che, nell’85% dei casi, perdura da oltre un anno e, per la metà del campione, limita in tutto o in parte le attività quotidiane. Tra le patologie che più causano sofferenza, spiccano artrosi (38%), mal di schiena (36%) e cervicalgia (21%). A livello di dichiarato, il 55% dei pazienti giudica la propria sintomatologia algica di intensità moderata e 1 su 3 la reputa severa; se, tuttavia, si chiede di riclassificare l’intensità secondo la scala Nrs da 0 a 10, coloro che soffrono di dolore severo salgono al 53%. Questa significativa discrepanza segnala che gli anziani sono probabilmente i primi a sottostimare la loro condizione.

Per leggere l'articolo completo clicca qui

Fonte: Quotidiano Sanità